20 Settembre 2017
immagine di testa


Sorsi di benessere
Immagine bottiglie d´acqua Tesorino
L’acqua Sorgente Tesorino ha la particolarità di possedere alte concentrazioni di macroelementi importantissimi quali Calcio e Magnesio, che le conferiscono un alto valore di residuo fisso (indice della ricchezza in sali minerali dell’acqua) ma al contempo di vantare una leggerezza paragonabile a quella di una oligominerale.
In base all’analisi chimico-fisica effettuata dal dipartimento di chimica dell’università La Sapienza di Roma, l’acqua Sorgente Tesorino si classifica come un’acqua medio-minerale con un residuo fisso di 645 mg/l. A differenza delle comuni medio-minerali, la Tesorino è paragonabile però ad una oligominerale, un tipo di acqua che, per il suo contenuto più basso di macro e microelementi, risulta essere molto leggera e digeribile. Infatti il suo grado di mineralizzazione è in realtà basso e l’alto valore di residuo fisso è dato prevalentemente dai soli ioni Calcio e Magnesio.
Nello specifico la Tesorino è classificata come acqua bicarbonato-solfato-alcalino-terrosa, caratterizzata appunto da accentuate concentrazioni di Calcio (145 mg/l) e Magnesio (31 mg/l) oltre che di Bicarbonato (385 mg/l) e Solfato (187 mg/l).
Le acque minerali si differenziano per molte caratteristiche chimico-fisiche che conferiscono loro specifiche proprietà. Queste caratteristiche sono rappresentate principalmente dal contenuto di minerali, ovvero macro e microelementi e da alcuni parametri quali la temperatura alla sorgente, il residuo fisso, la conduttività e l’assenza di sostanze indesiderabili.
Ogni acqua si caratterizza in questo senso in base alle peculiarità geologiche e ambientali del percorso che compie dalla fonte fino alla foce.
Per questo motivo LE ACQUE NON SONO TUTTE UGUALI ed esiste una classificazione delle acque minerali che le distingue in base al loro contenuto di macro e microelementi e per le altre relative caratteristiche chimico-fisiche.
La principale distinzione tra le minerali è quella in base al residuo fisso a 180 °C (quantità di sali minerali in mg/l depositati da 1 litro di acqua dopo completa evaporazione a 180 °C); in base a questo valore le acque vengono distinte in minimamente mineralizzate (residuo fisso <50 mg/l), oligominerali (50mg/l < residuo fisso < 550mg/l), medio-minerali (500 mg/l < residuo fisso < 1500 mg/l), ricche ( residuo fisso < 1,500mg/l).
Il valore di residuo fisso non è indice della migliore o peggiore qualità dell’acqua in esame come spesso si crede, ma è solo indicativo della quantità di sali minerali che essa contiene. Un’acqua con alto residuo fisso sarà più ricca di sali minerali, sostanze importanti per la nostra salute e non dannose, rispetto ad una con residuo fisso più basso. Leggere il residuo fisso ci indica solo se l’acqua è più o meno ricca in sali minerali, ma per capire lo specifico tipo di acqua serve verificare quali sali sono
presenti in maggior quantità. Quindi per ogni persona, in base all’età, allo stile di vita e alle condizioni di salute sarà più adatta un’acqua piuttosto che un’altra. Inoltre le acque vengono distinte in base alla prevalenza di certi elementi in salse (prevalenza di cloruro e sodio), solfate (prevalenza di solfati), ferruginose (prevalenza di ferro), bicarbonate (prevalenza di bicarbonato), alcalino-terrose (prevalenza di calcio e magnesio). In base alla loro composizione le acque minerali sono più indicate per svolgere determinate funzioni piuttosto che altre, come stimolare le funzioni digestive, favorire la diuresi, avere attività eupeptiche piuttosto che permettere un appropriato reintegro di sali minerali.
L’acqua svolge funzioni essenziali nel nostro organismo, a partire da quella costitutiva: circa il 60-70% del peso di un soggetto adulto è rappresentato dall’acqua. In quasi tutti i nostri tessuti è presente una percentuale più o meno elevata di acqua, la quale permette: di mantenere il volume cellulare, rappresenta il solvente di un grande numero di reazioni metaboliche, diluisce le sostanze ingerite con l’alimentazione e quelle organiche permettendone l’afflusso cellulare, mantiene l’idratazione dei tessuti, permette l’eliminazione delle scorie, contribuisce alla termoregolazione e al mantenimento di corretti valori di pressione arteriosa, è fonte di sali minerali.
Tra i sali minerali, il Calcio e Il Magnesio ricoprono un ruolo estremamente importante.
Il Calcio è l’elemento costitutivo primario delle ossa e dei denti ed interviene nella contrazione muscolare, nella conduzione nervosa, nella coagulazione del sangue e nello sviluppo del sistema scheletrico.
Il Magnesio, oltre ad essere anch’esso un costituente importante del tessuto osseo, gioca un ruolo chiave nei vari processi che permettono alle nostre cellule di produrre energia ed è essenziale per il mantenimento delle funzioni nervose e muscolari.
Necessitiamo di circa 1,5 mg/die di Calcio e di circa 150-500 mg/die di Magnesio, gli alimenti ci forniscono solo in parte la quota necessaria in quanto questi elementi si trovano nei cibi in forme poco assimilabili o in piccole quantità.
L’acqua invece rappresenta una fonte primaria di Calcio e Magnesio che si trovano in essa nella forma più assimilabile.
L’acqua è quindi un vero e proprio alimento che deve essere parte integrante della dieta.
L’acqua Sorgente Tesorino, in particolare, grazie alla sua composizione e alla ricchezza di Calcio e Magnesio, associata ad una dieta variegata e ad uno stile di vita corretto, concorre al raggiungimento del giusto equilibrio dei fabbisogni dell’organismo.
Si rivela adatta ad integrare l’alimentazione dall’età pediatrica fino al soggetto anziano e si mostra particolarmente indicata durante l´attività fisica.
Ha mostrato inoltre nel coadiuvare la prevenzione e la risoluzione di calcolosi e di vari problemi a carico del sistema digerente, urinario e vascolare.
Dimensione: 75,29 KB

Realizzazione siti web www.sitoper.it